Visita il Negozio on line TU6BELLA! aperto 7 giorni su 7 e 24 ore sul 24 e ospitato sul sito web ufficiale di Avon Cosmetics ---> www.avon.it/store/tu6bella

Offerta speciale Negozio TU6BELLA per chi acquista entro l'11 ottobre 2018 (ore 22)

DIANE ARBUS CATTURO' LA BELLEZZA DIFFERENTE E UNICA


A Parigi è in mostra una grande retrospettiva dedicata alla fotografa che amava ritrarre persone fuori dal comune: gemelli, clown, politici, artisti e bambini.

La tattica della fotografia è di svelare il segreto del reale, quella parte oscura e nascosta che, sino all'apparizione dell'immagine, si è resa impenetrabile e incomprensibile. La comunicazione lo dissolve, ma la sua sorpresa crea un approfondimento con cui è necessario fare i conti, con il risultato di aumentarne il mistero.

Per Diane Arbus (1923-71) "la fotografia è un segreto sul segreto. Più comunica meno sai", per cui i suoi lavori vanno assunti come accenni a un possibile percorso per avvicinarsi a un luogo complicato, abitato da figure enigmatiche e rituali tortuosi.

Da fotografa, cerca di farli apparire dinanzi allo sguardo altrui: dispiega qualcosa di torbido e al tempo stesso di nuovo che non è migliore o peggiore, ma che metta in moto l'attenzione.

In tale prospettiva la sua opera va considerata, per sua stessa definizione, un'arca di Noè in cui entrano tutti gli esseri, non importante in quali condizioni umane e fisiche, esistenziali e sociali. Sono tutti parte di una grande famiglia dove entrano gemelli e giganti, clown e politici, banchieri e attori, omosessuali o eterosessuali, artisti e bambini (al Jeau de Paume di Parigi, fino al 5 febbraio).

Soltanto che questa famiglia mascherata è segnata dall'essere "differente" dalle altre, secondo i codici e le sensibilità degli anni Sessanta e Settanta.

Appare composta di freak, di "mostri" estranei agli standard di bellezza e di normalità dell'epoca. Un universo di innocenza e di dolcezza, di semplicità e di intensità la cui colpa era solo di apparire differente, cioè unico: una fotografia dedicata esclusivamente agli esseri fuori del comune.

G.Celant - L'Espresso - Novembre 2011

4 commenti:

Lucy Van Pelt ha detto...

che posso dire... l'arte è arte e il genio è genio...
Sine verbis

Oat Milk ha detto...

Una mostra davvero interessante! A prima vista queste immagini suscitano un senso di disagio, perché sembrano sfiorare il grottesco, ma a ben guardare hanno invece qualcosa di visionario e onirico.. mi richiamano alla mente l'atmosfera del bellissimo film "Parnassus"!
Grazie per averla segnalata!

Luana ha detto...

Interessante!

TU6BELLA ! ha detto...

Grazie a tutte per i vostri preziosissimi commenti ^-^ che mi permettono di capire quali sono gli argomenti maggiormente interessanti per voi da proporre nel blog!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...